ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato in Tutti gli articoli | Lascia un commento

Le parole luminose e il Museo Rodari a Omegna

Sono state accese a Omegna le “filastrocche in cielo” dedicate a Gianni Rodari: a partire dalla casa natale dello scrittore in via Mazzini fino a Largo Cobianchi e proseguendo da piazza XXIV Aprile fino all’ingresso del nuovissimo Museo Rodari in via Carrobbio, le luci installate riportano frasi riprese dalle sue filastrocche.

L’intervento, voluto dall’Amministrazione Comunale, è stato reso possibile da Fondazione Cariplo, che con il co-finanziamento del progetto “Omegna città della creatività”, la cui realizzazione è stata affidata a Bianchettiarchitettura studio associato degli architetti Fabrizio Bianchetti e Gabriele Medina, sta dando vita a un vero e proprio rinnovamento urbano “scritto” all’interno di una narrazione fantastica: una serie di lavori volti alla riqualificazione della cittadina attraverso l’introduzione del concetto di creatività come promotrice della qualità urbana, culturale ed economica.

All’interno del “Museo Gianni Rodari. Una fantastica storia” i visitatori, grazie al lavoro del curatore Pino Boero, dei progettisti di AuroraMeccanica per il percorso museale e di Studio Grand Hotel per il progetto grafico, possono sperimentare nuovi modelli di didattica e di diffusione del patrimonio immateriale incentrato su un percorso narrativo inedito sulla vita e sulla poetica di Gianni Rodari, che a Omegna è nato il 23 ottobre 1920.

Il Museo, inaugurato ed aperto al pubblico proprio a partire dal 23 ottobre, in occasione dei 101 anni dalla nascita del poeta, è il punto focale del Festival della Letteratura per Ragazzi a lui dedicato, giunto all’ottava edizione. Nella foto, in via Mazzini un estratto di “Girotondo in tutto il mondo”, filastrocca particolarmente significativa per il suo modo di educare alla fratellanza; mentre in via Manfredi, verso il nuovo museo, si accendono i primi versi della celebre canzone “Ci vuole un fiore”, parole di Gianni Rodari.
 

→ #Speciale REAL ESTATE
 
Gli ultimi articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.


 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Libro della Settimana: Hangar Design Group Compendium [October 21, 2021 at 10:00AM]

→ Archivio LIBRO DELLA SETTIMANA

 
La rubrica Libro della Settimana del blog Office Observer | Danilo Premoli propone in home page un volume da non perdere, con il link diretto alla scheda di presentazione sul sito dell’editore.
 
La segnalazione di un nuovo titolo sarà online tra sette giorni.


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: recensioni ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Sociocromie: in mostra 100 anni in 25 colori

Inaugurata in occasione della Milano Design Week 2021, la mostra “Sociocromie” rimane aperta fino al 14 novembre al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Curata da Giulio Ceppi, architetto, designer e fondatore di Total Tool, è dedicata al valore storico e sociale del colore, e racconta come attraverso specifiche cromie sia possibile evocare un concetto universalmente riconosciuto.
“Abbiamo voluto celebrare questi 25 colori dando loro una specifica cromatica e fissandoli con coordinate precise: tinta, chiarezza, saturazione, per distinguerli anche quando potevano sembrare simili, per farli diventare riconoscibili e unici. Un modo per far capire che anche il tempo ha un suo colore” precisa il curatore. Main Partner Axalta Coating Systems e Gruppo Boero, che ha messo a disposizione i prodotti più idonei per realizzare i pannelli colorati che segnano il percorso espositivo. La mostra è corredata da un catalogo dedicato, prodotto da Pigna in formato quaderno, Chimera Editore Milano, in vendita presso il MUST Shop del Museo.

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Milano Design Week 2021 ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Il suono per disegnare la qualità dello spazio

[dal nostro inviato speciale Alessandro Colombo]

Lo spunto per approfondire il tema è una realizzazione parigina presentata a Venezia in occasione delle Biennale di Architettura. Siamo abituati a pensare alla qualità dello spazio che viviamo e progettiamo in termini di composizione, di materiali, di colori, di luce, di ambiente più in generale, ma quasi mai di suono. Se a volte, ma non sempre, la nostra sensibilità si applica all’inquinamento sonoro, alla quantità di rumore alla quale siamo sottoposti, quasi mai pensiamo che il suono possa essere la quinta dimensione dello spazio, dopo le tre canoniche e il tempo. Nello spazio e nel tempo, completato l’iter progettuale, poniamo il suono come musica che vada ad abbellire e a completare, ma mai a costruire lo spazio stesso.
A Venezia Pase Platform, con la partecipazione dell’Opéra National de Paris, ha presentato “Les Secrets de l’Opéra”, una composizione di Victor Nebbiolo di Castri e di Valeria Zane creata con i suoni provenienti dai laboratori e dagli studi del teatro dell’Opéra, accompagnati dalla voce della soprano Giulia Semenzato, dal flauto traverso di Andrea Vecchiato e dalle percussioni di Paolo Bertoldo. In verità la descrizione non rende giustizia ad un’idea brillante che, partendo dal bando di gara indetto dalla Ratp per la produzione di un ambiente sonoro nella stazione di Bastille Opera della metropolitana di Parigi, ha costruito sulla base del repertorio sonoro reperibile in un ambiente come quello di un grande teatro d’opera (dai laboratori alle sale prova, dai foyer alle sale da concerto), un canovaccio sul quale l’apporto dei musicisti sopra ricordati e un software danno vita a un numero di composizioni praticamente infinito, esplorabile in modo automatico con l’aiuto dell’informatica. Il tutto collocato nello spazio, “spazializzato”, grazie a particolari tecnologie messe a disposizione da d&b Soundscape.
A questo punto ci si dovrebbe fermare con le parole ed iniziare ad ascoltare con le orecchie, ma, non essendo possibile descrivere la musica se non con l’utilizzo dei suoni stessi, esattamente come lo spazio può essere capito solo percorrendolo nel tempo, dobbiamo chiedere credito per poter affermare che l’esperienza è ricca, coinvolgente, a tratti suadente, e che si deve esercitare un certo autocontrollo per non rimanere appiccicati al computer a esplorare un numero discretamente grande delle infinte melodie combinatorie a disposizione. Ovviamente il passeggero della Ratp si porta a casa il link per accedere a piacere al continuum musicale messo a disposizione. E così vorremmo fare noi mentre ripercorriamo le calli veneziane, ormai dense di voci e rumori, e riflettiamo su quali nuove/antiche frontiere si potrebbero esplorare riportando il suono nel progetto, la musica nello spazio, per il tramite di una tecnologia colta che, per una volta, riesce a superare gli sterili sperimentalismi autoreferenziali del main stream culturale per portare elementi nuovi alla qualità del nostro vivere. Vivere insieme, ovviamente.

Les Secrets de l’Opéra
Sponsor Ratp – Département de la communication
Production e graphic design Itsok
Sound creation Victor Nebbiolo di Castri & Valeria Zane
Spacial participation Opéra National de Paris

 → Office Observer Guest Blogger: Alessandro Colombo 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Lifelong Learning ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Guest Blogger, Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

RadioDesign. La musica che il design ha attraversato #03: Matteo de Bartolomeis

Nel 2005 l’editore Guanda pubblica un almanacco magistralmente curato da Ranieri Polese: “La musica cha abbiamo attraversato” (il volume si può scaricare in pdf a questo link). È una raccolta di testi e ricordi di scrittori, esperti, testimoni, tra i quali Wim Wenders, Nick Hornby, Carlo Lucarelli, Niccolò Ammaniti, della musica che gira intorno a loro: un ritmo sincopato di appunti e di suoni, i primi inevitabilmente influenzati dai secondi.

RadioDesign Office Observer

La playlist su Spotify di
Matteo de Bartolomeis

RadioDesign di Office Observer invita periodicamente un progettista, o un imprenditore, o un critico, a svelare la sua personale colonna sonora e a compilare un elenco di sette titoli raccolti in una playlist su Spotify che può essere ascoltata liberamente. Ogni mese un incontro con gli autori invitati e il successivo podcast, che verrà pubblicato su Office Observer, metterà a confronto le diverse esperienze ed emozioni generate dai titoli scelti.

RadioDesign è un progetto di Office Observer prodotto da Danilo Premoli e Stefano Lazzari.

Buon ascolto!


 BE INSPIRED → RadioDesign Office Observer 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

Pubblicato in Guest Blogger, Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Progetto: SuperLimão per SKR San Paolo

→ Archivio PROGETTI
→ Archivio VIDEO

 
Il blog Office Observer | Danilo Premoli pubblica nella → rubrica PROGETTO/LINKCHAT una selezione dei più importanti uffici realizzati nel mondo, presentati direttamente dagli autori, siano grandi studi o singoli progettisti di valore, su incarico di multinazionali o di piccole aziende. Le segnalazioni: office interior, workplace, creative office, smart working, vengono poi raccolte periodicamente in una serie di → video che restituiscono lo stato dell’arte dell’office design internazionale.


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Progetto/Linkchat ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La biblioteca negli spazi del Monastero di Camaldoli si rinnova

Fondata all’inizio dell’XI secolo da San Romualdo, la comunità dei monaci Benedettini camaldolesi raccoglie in un unico luogo, immerso nella natura, la dimensione solitaria del Sacro Eremo a quella comunitaria del Monastero, nel quale è stata realizzata la Biblioteca, antica e moderna allo stesso tempo, su progetto dello studio d’architettura Menichetti+Caldarelli di Gubbio.

“Abbiamo voluto che le diverse stratificazioni della biblioteca si potessero leggere come un libro – afferma l’architetto Stefano Menichetti – Abbiamo dunque lasciato ben visibili le sovrapposizioni, i segni del tempo e le tracce lasciate dalla mano dell’uomo. Con gli armadi compattabili scelti nel catalogo Fantin siamo riusciti ad aumentare la capacità contenitiva dei locali della biblioteca in perfetta armonia”.

Il risultato è un calibrato progetto in equilibrio tra passato e presente, nel quale le soluzioni adottate (in metallo finitura bianca verniciata a polveri atossiche) custodiscono la memoria e arredano con flessibilità e funzionalità, facilitando la consultazione di un patrimonio librario di circa 35.000 volumi, fra pergamene, manoscritti, libri e registri, consultabili non solo dai monaci per le loro ricerche, ma anche da pellegrini e visitatori provenienti da tutto il mondo.

“L’entrata della biblioteca comporta un distacco dal ritmo accelerato della quotidianità – racconta Don Alessandro Barban, Priore Generale della Comunità Monastica di Camaldoli –, che conduce in un tempo esistenziale di ascolto, di lettura e di profondità. In questo luogo il tempo e lo spazio si incontrano, creando l’atmosfera per lo studio e la ricerca, dove l’intuizione intellettuale è dono dello spirito. Era da anni che la comunità monastica di Camaldoli pensava di predisporre una nuova biblioteca. Ma dove collocarla, come organizzarla? Si trattava di unire attenzione sia agli spazi del monastero, sia alle esigenze organizzative specifiche della contemporaneità. Gli architetti hanno ideato un progetto dove struttura antica, organizzazione digitale e bellezza artistica convergono insieme con armonia e sapienza, creando un vero e proprio archivio della memoria, dal 1200 ai giorni nostri” (foto Francesco Degli Innocenti).
 

→ #Speciale REAL ESTATE
 
Gli ultimi articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.


 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Libro della Settimana: Sketches Maps Sceneries [October 14, 2021 at 10:00AM]

→ Archivio LIBRO DELLA SETTIMANA

 
La rubrica Libro della Settimana del blog Office Observer | Danilo Premoli propone in home page un volume da non perdere, con il link diretto alla scheda di presentazione sul sito dell’editore.
 
La segnalazione di un nuovo titolo sarà online tra sette giorni.


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: recensioni ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Codega: la luce non è solo illuminazione

Codega è un nuovo marchio nel mondo della luce: “Che realizza lampade pensate non solo per illuminare, ma anche per vestire con la luce e migliorare così la qualità di vita delle persone”.
Serena: una prima collezione di luci da interno, inconsuete perché capaci di fare altre cose e diverse grazie alla loro anima ultratecnologica; per esempio, sincronizzare l’orologio biologico oppure sanificare superfici e ambienti. Lampada di design con un cuore hi-tech, Serena nasce dalla creatività dello studio Consuline che ha come obiettivo quello di stabilire un nuovo standard nel settore della luce.

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Milano Design Week 2021 ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Design e arte alla Venice Design Week 2021

Venice Design Week è il festival dedicato al design che si tiene ogni ottobre dal 2010. Per una settimana, quest’anno fino al 17 ottobre, la laguna si anima con esposizioni, conferenze e incontri, concorsi, laboratori e visite guidate che hanno luogo in una cornice unica, densa di storia e contemporaneità, in un continuo scambio tra culture che qui si incontrano e confrontano. VDW è un evento diffuso nel tessuto cittadino che lo ospita, che si snoda tra calli e campielli, gallerie private e musei, case e studi d’artista, negozi e botteghe. È inoltre un’occasione di connessione e dialogo tra designer affermati ed emergenti, aziende di respiro internazionale, artigiani, architetti e un pubblico curioso ed appassionato.

Nei giorni della VDW e in contemporanea con Arte Laguna Prize e la Biennale Architettura, al Campo dei Gesuiti sestiere di Cannaregio è in mostra l’opera “DOCG” di Danilo Premoli (nella foto): un grande cubo costruito da un telaio in acciaio rivestito su quattro facce da pannelli in Lapitec, materiale minerale 100% naturale. Le singole lettere che compongono il titolo della scultura sono disegnate da fori di diverso diametro che lasciano passare la luce di una sorgente led interna alla struttura, e rimandano alle bollicine del vino Prosecco Docg della Cantina La Tordera, committente dell’opera. Quello esposto a Venezia è un modello in scala 1:2 (dimensioni 100x100x100 cm) dell’originale che verrà collocato presso la sede della Cantina a Vidor nel 2022. “DOCG” è una nuova declinazione della ricerca di Danilo Premoli nel campo della poesia visiva e del design.

 BE INSPIRED → Venice Design Week 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Lifelong Learning ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento