Nuovo catalogo Snowsound di Caimi Brevetti

Il volume dedicato a Snowsound di → Caimi Brevetti racchiude le tre tecnologie applicate a diversi prodotti con lo stesso fine: quello di offrire una soluzione adeguata per migliorare il comfort acustico, soprattutto in ambienti realizzati con materiali quali ceramica, marmo, cemento e vetro che producono echi e riverberi: un valido aiuto per migliorare la qualità della vita, soprattutto nei luoghi pubblici e molto affollati.
Tutti i prodotti Snowsound hanno Classe 1 Italia di reazione al fuoco ed Euroclass B-s2, d0. Sono riciclabili al 100% e hanno ricevuto la certificazione Greenguard Gold, che convalida le loro caratteristiche di bassa emissione e il loro contributo alla qualità dell’ambiente. Campioni significativi dei prodotti che portano il marchio della certificazione Greenguard sono stati testati in maniera indipendente, ed è stato certificato che rispettano i rigorosi standard UL per Greenguard, tra i più stringenti al mondo.

Il nuovo catalogo Snowsound è consultabile online → a questo indirizzo.

I premi internazionali attribuiti a Snowsound:
Caimi_premi_Snowsound

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Caimi Brevetti ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Annunci
Pubblicato in Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Merry Christmas and a Happy New Office!

Merry Christmas and a Happy New Office!Tweet this

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Office Observer Newsletter #56 dicembre 2017

newsletter_testata_2016_ridLeggi online e scarica gratuitamente la Newsletter dicembre 2017Tweet this

[testo di Alessandro Cambi] Spazio/Lavoro. Il lavoro da sempre ha rappresentato uno degli elementi costitutivi della società, un luogo nel quale…
→ Continua a leggere


FederlegnoArredo ha depositato il nuovo brevetto “H-lam”, modello costruttivo per la bioedilizia nato con il contributo tecnico di Assolegno e dell’Università di Trento. Si tratta di una nuova tipologia di connessione che…
→ Continua a leggere


Sono stati assegnati i Premi “Architetto italiano 2017” e “Giovane Talento dell’Architettura italiana 2017” che il CNAPPC ha bandito, con la rete degli Ordini provinciali e con il Maxxi in occasione della….
→ Continua a leggere


È firmato dallo studio Scape di Ludovica di Falco il nuovo Meis Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara, dedicato alla storia e alla vita ebraica, a partire dall’esperienza degli…
→ Continua a leggere


Si può visitare fino a marzo 2018 la mostra presentata da Tecno “Zanotta: Stories”, un racconto sugli spazi e i modi del vivere contemporaneo in scena ai Caselli Daziari di Porta Garibaldi (Milano); il progetto è…
→ Continua a leggere





This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Un nuovo volume segnalato nella rubrica Libro della Settimana [December 21, 2017 at 10:00AM]

La rubrica → Focus Libro della Settimana del blog Office Observer | Danilo Premoli propone in home page un volume da non perdere, con il link attivo alla scheda di presentazione sul sito dell’editore.

La segnalazione di un nuovo titolo sarà online lunedì prossimo.

→ Archivio “Libro della Settimana”


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Lifelong Learning ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Zanotta: design tra memoria e futuro

Tecno_Zanotta_caselli_2017Si può visitare fino a marzo 2018 la mostra presentata da Tecno “Zanotta: Stories”, un racconto sugli spazi e i modi del vivere contemporaneo in scena ai Caselli Daziari di Porta Garibaldi (Milano); il progetto è a cura dello Studio Calvi Brambilla. Dalle collezioni contemporanee ai prodotti iconici, diventati parte della memoria collettiva, la storia di Zanotta si rinnova nell’unione con Tecno per farsi interprete di una dimensione culturale che mette al centro la persona, le sue relazioni e le sue esigenze. Attraverso un allestimento che si affaccia sulla piazza, i visitatori potranno riconoscere/riconoscersi nel rapporto con la memoria, il cibo, la tecnologia, la storia, l’amore, il futuro. Il racconto si articola in sei capitoli, che trovano spazio in altrettante stanze che gli autori così descrivono.

High Tech Addicted. Vive di tecnologia, dell’innovazione che semplifica e arricchisce il quotidiano. Incarna il suo stile una casa connessa e modulabile che segue e accompagna la continua evoluzione tecnologica.
Mobility Wizard. È in continuo movimento e lo fa con mezzi alternativi ed ecosostenibili, sempre equipaggiato di cuffie e action camera. Uno stile di vita che esige una casa che dia spazio ai propri tempi e alla propria mobilità.
New Nomad. Con la valigia sempre pronta, vive viaggiando. Fa della propria casa il luogo di riflessione, di espressione individuale, la parte più preziosa della propria libertà.
Indipendent Maker. Rende la propria passione la sua professione. Comprende le tendenze rielaborandole con la sua personalità. La sua casa appartiene al mondo avvenire e accoglie la promessa di un progetto dinamico, che obbedisce alle proprie intuizioni.
Couple 2.0. Ama condividere esperienze e allo stesso tempo coltivare passioni individuali. Una coppia che vive la città ma anche il luogo domestico aprendolo agli amici. Una casa fatta di luoghi comuni ma anche di intimità individuale.
Urban Farmer. È attento al vivere bene e mangiare sano. Porta la natura nella propria abitazione coltivando l’orto con antica saggezza, abbinata a mezzi moderni. La sua casa è fatta di spazi aperti e luminosi in dialogo tra loro, di materiali naturali e dei profumi di un tempo.

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: TECNO ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Inaugurato a Ferrara il Museo dell’Ebraismo

Scape_Ferrara_Museo_EbraismoÈ firmato dallo studio Scape di Ludovica di Falco il nuovo Meis Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara, dedicato alla storia e alla vita ebraica, a partire dall’esperienza degli ebrei italiani, da ventidue secoli parte integrante del tessuto del Paese. A cosa serve un museo nazionale dell’ebraismo italiano? La risposta dei curatori del percorso espositivo è sicura: “A parlare soprattutto di oggi: del dialogo tra culture, del contributo delle minoranze, della ricchezza di identità plurime, della bellezza di conoscere un mondo diverso che vive, però, dentro il nostro, abbracciato al nostro. La mostra “Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni” svela al pubblico le origini dell’ebraismo italiano, vicenda sorprendente e ai più sconosciuta. Una popolazione che ha sempre lavorato per fecondare questa terra, non a caso in ebraico chiamata I-Tal-Ya: l’isola della rugiada divina”. Il racconto è curato da Anna Foa, Giancarlo Lacerenza e Daniele Jalla, con l’allestimento, nello spazio neutro degli ambienti, dello studio Gtrf di Brescia, con documenti e oggetti poco noti o mai esposti prima, provenienti dai musei di tutto il mondo.

In una sorta di contrappasso, il Meis, istituito dal Parlamento nel 2003 e inaugurato dal Presidente della Repubblica, è sorto dalla ristrutturazione dell’ex-carcere di Ferrara: quello che nel Novecento è stato un luogo di segregazione e di esclusione, in particolare negli anni del fascismo (con la detenzione di oppositori di regime e di cittadini di origine ebraica, fra i quali Giorgio Bassani), si è trasformato in un centro di cultura, ricerca, didattica, dialogo e inclusione. Aggiunge l’architetto di Falco: “Volumetricamente i cinque elementi in sequenza, richiamano in modo simbolico i cinque capitoli della Torah, il Pentateuco, divenendo al tempo stesso contenitore ma anche contenuto: il libro è metafora della conoscenza e della ragione. Passi salienti della Torah saranno iscritti in bassorilievo sulle pareti del museo, regolandone l’intensità della luce all’interno”. Oltre al museo, sono attivi anche il Meishop, la biblioteca, il centro di catalogazione e i laboratori didattici. Questi ultimi, in particolare, si iscrivono tra le attività previste dal protocollo d’intesa firmato lo scorso settembre dal Meis e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che si sono impegnati a collaborare alla promozione di iniziative didattiche ed educative, conferenze, seminari, viaggi e programmi di alternanza scuola-lavoro rivolti a studenti e insegnanti di ogni ordine e grado, anche con l’affiancamento di autorevoli fondazioni, centri di ricerca e soggetti della formazione superiore.

→ #Speciale REAL ESTATE
 

Gli ultimi articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Un nuovo progetto ufficio segnalato nella rubrica Linkchat [December 18, 2017 at 10:00AM]

Il link al progetto segnalato nella → rubrica Linkchat rimane attivo solo questa settimana. Una nuova segnalazione ai più importanti uffici realizzati nel mondo sarà online lunedì prossimo.

I diversi uffici vengono raccolti periodicamente in una serie di → video che restituiscono lo stato dell’arte dell’office design internazionale. Da non perdere!


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

[ TAG: creative office ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Guest Blogger: Alessandro Cambi

[testo di Alessandro Cambi]
Spazio/Lavoro

“E il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento, tormento di non averlo, tormento di fare un lavoro che non serva e non giovi a un nobile scopo […] Il lavoro solo ha trasformato il mondo e siamo alla vigilia di una trasformazione definitiva”. (Adriano Olivetti, Città dell’uomo, 1960)

Il lavoro da sempre ha rappresentato uno degli elementi costitutivi della società, un luogo nel quale raccogliere ed impiegare le capacità umane, in nome di un’attività produttiva sia essa fisica e concreta come quella degli oggetti, oppure immateriale e astratta come quella più legata al pensiero e alla ricerca. Il lavoro è luogo in cui si compiono il progresso e l’evoluzione umana, in cui si plasma quella trasformazione del mondo anticipata dal pensiero di Adriano Olivetti dei primi anni Sessanta.

leggere in modo
biunivoco il rapporto
spazio/lavoro

Le spazialità di cui si forma l’architettura hanno da sempre caratterizzato e definito le modalità operative con cui si è materializzato il lavoro nei vari passaggi evolutivi del tempo, rendendo lo spazio elemento fondamentale al compimento dei modelli produttivi che si sono succeduti nel corso degli anni. È possibile in questo senso leggere in modo biunivoco il rapporto spazio/lavoro, a partire da quanto avvenuto in America nei primi anni del Novecento, quando Frank Llyod Wright costruiva il Larkin Building o il Johnson Wax con i grandi open space, riflesso di un modello concepito come catena di montaggio in cui l’uomo è ingranaggio della macchina produttiva; gli anni Cinquanta nei quali l’informatizzazione genera il modello ufficio cella, in cui ognuno diviene bit di un processo più ampio, seriale e ripetitivo; gli anni Novanta momento in cui la rete ed il telelavoro modificano geografia e dimensione dello spazio e del modo di essere produttivi.

Il centro contemporaneo della ricerca e dello sviluppo del lavoro, la Silicon Valley, sta producendo nuovi modelli metodologici: il lavoro non è più fatto univoco ed isolato, ma concepito come risultato di una sinergia collettiva, all’interno della quale l’individuo partecipa ancora in modo singolare, ma anche attraverso modalità di incontro e di scambio con più persone e conoscenze, quindi come parte di un insieme allargato. Il lavoro si sta trasformando da una dimensione chiusa ed individuale ad una dimensione eterogenea e multidisciplinare, nella quale ognuno è parte attiva di un sistema aperto e composito.

trasformare l’ufficio da luogo
chiuso a luogo di confronto
innovativo e pluridisciplinare

L’architettura della città e dei luoghi di lavoro può rendere possibile questa attitudine e queste possibilità operative, predisponendo spazi disponibili all’incontro, alla comunicazione, allo scambio, sia esso visivo, percettivo che fisico, trasformando l’ufficio da universo chiuso ed individuale, a luogo di confronto innovativo e pluridisciplinare. Spazi aperti, spazi di convivialità, spazi incontro, postazioni collettive, sono solo alcuni degli elementi che possono evolvere il modello corridoio/stanza, ibridandolo verso spazialità aperte, libere e disponibili allo scambio e alla contaminazione reciproca di conoscenze differenti.

Nuovi luoghi e nuovi modi di vivere lo spazio possono rendere il momento del lavoro parte del vivere quotidiano e non qualcosa che ne costituisce un mondo a parte, una parentesi sconnessa, isolata, talvolta estranea. Pensare oggi il luogo lavoro significa cambiare paradigma immaginando lo spazio non solo come luogo produttivo, ma anche come possibilità per evolvere la società, per costruire la “Città dell’uomo”.
[dicembre 2017]


Alessandro Cambi
Laureato alla Facoltà di Architettura di Firenze, dopo due anni di studi a Parigi presso l’Ecole d’Architecture de La Défense e l’Ecole d’Architecture de La Villette collabora con studi di progettazione portando avanti nello stesso tempo la propria ricerca attraverso il design e i concorsi. Nel 2016 fonda IT’S, operativa nelle sedi di Roma, Parigi e Ginevra, società nata con l’obiettivo di ibridare i metodi dell’architettura con il know-how di altri ambiti, contaminando conoscenze diverse, nel tentativo di ampliare gli orizzonti della professione. Oggi ad IT’S si affianca Parallel Digital, startup specializzata nello sviluppo del progetto con metodo BIM. Dal 2013 ad oggi è professore di Progettazione Architettonica presso la Facoltà di Architettura di Ferrara.

 → Office Observer Guest Blogger 


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Guest Blogger ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Guest Blogger, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Un nuovo volume segnalato nella rubrica Libro della Settimana [December 14, 2017 at 10:00AM]

La rubrica → Focus Libro della Settimana del blog Office Observer | Danilo Premoli propone in home page un volume da non perdere, con il link attivo alla scheda di presentazione sul sito dell’editore.

La segnalazione di un nuovo titolo sarà online lunedì prossimo.

→ Archivio “Libro della Settimana”


This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: Lifelong Learning ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in Lifelong Learning, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Festa dell’Architetto 2017: i vincitori

Cino_Zucchi_LavazzaSono stati assegnati i Premi “Architetto italiano 2017” e “Giovane Talento dell’Architettura italiana 2017” che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha bandito, con la rete degli Ordini provinciali e con il Maxxi, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in occasione della tradizionale Festa dell’Architetto, per dare visibilità a quegli architetti italiani che si ritiene rappresentino un’eccellenza: “professionisti che hanno saputo raccogliere, nella consapevolezza di essere responsabili della realizzazione della città del futuro che sarà verde, inclusiva, sicura, le sfide che l’architettura contemporanea oggi impone”.

Nella sua quinta edizione il “Premio Architetto italiano” è stato assegnato allo studio caravatti_caravatti architetti di Emilio Caravatti, Matteo Caravatti, Chiara Gugliotta, Elena Verri. Un’architettura autentica quella proposta dallo studio monzese e, secondo le motivazioni della giuria presieduta da Andreas Kipar: “rispettosa non solo dei luoghi, ma anche dei contesti sociali nei quali si inserisce”. Esempio emblematico ne è il progetto Jigiya So’, Centro di riabilitazione psicomotorio realizzato a Katì, nella Repubblica del Mali: “dove con poche risorse disponibili è stata realizzata una architettura essenziale, capace di dare forma ad una funzione nobile come quella del Centro”. Va a Elisabetta Gabrielli il “Premio Giovane Talento dell’Architettura 2017” per il progetto del Molo di Askim, Goteborg. Un tema quello del molo: “molto importante per il rapporto tra terraferma e acqua, un approfondimento della connessione tra natura e cultura approcciato in maniera architettonica” senza mai dimenticare la funzione sociale dell’architettura. Il Molo, infatti, prevede percorsi alternativi per consentire ai bagnanti con impedita capacità motoria la discesa in acqua.

Una sorta di “Oscar alla carriera” è stata definita dalla giuria la Menzione Speciale assegnata a Cino Zucchi: “quale grande interprete dell’architettura del Novecento italiano che con la sua proposta progettuale per il nuovo centro direzionale della Lavazza a Torino (nella foto) riesce a stabilire un equilibrato rapporto tra il tessuto esistente e la nuova architettura inserita”. Il progetto mostra, infatti, grande attenzione per la storia della città e del quartiere, così come per la storia e la cultura dell’azienda. La Festa dell’Architetto 2017 è stata anche caratterizzata dalla consegna del riconoscimento di “Architetto Onorario” a Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia, per il prestigio mondiale della Biennale di Architettura quale vetrina per celebrare il contributo reale e duraturo che l’architettura di qualità offre all’Umanità.

→ #Speciale REAL ESTATE
 

Gli ultimi articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicato in N.B., Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento