L’architettura nascosta sotto la collina della Cantina Pieropan

Progettata dall’architetto Moreno Zurlo AcMe Studio di Verona, in collaborazione con Progest, la tenuta dell’azienda vinicola della famiglia Pieropan si trova nel cuore dei vigneti di Soave: architettura e territorio che diventano parte di un unicum. La costruzione, infatti, è completamente interrata nella collina, ad eccezione della facciata realizzata in solida pietra di Vicenza.


La cantina, fortemente voluta dal nipote del fondatore, l’omonimo Leonildo Pieropan, e a lui intitolata, è un manufatto architettonico nato come strumento di lavoro e concepito su principi di innovazione e sostenibilità. L’intervento si fonda su un’idea forte: “sollevare” un lembo del pendio di oltre 60.000 mc e nascondervi il grande volume necessario allo svolgimento dell’attività vitivinicola, aderendo alla volontà dell’azienda di armonizzare la realtà imprenditoriale rispettando l’ambiente e il paesaggio circostante.

L’andamento del fronte frastagliato in pietra calcarea sostituisce visivamente una balza del terreno preesistente, avvolge lo scarto altimetrico generato dal salto di quota tra la nuova copertura a verde e la tendenza del declivio. La selezione di materiali di provenienza locale ha previsto l’utilizzo, per la particolare facciata, della pietra di Vicenza, estratta e lavorata da Grassi Pietre e pulita e protetta con Fila Solutions. La pietra è stata scelta nella sua declinazione di giallo dorato con finitura spazzolata e spessore 3 cm: 1400 mq di rivestimento, 2.300 pezzi diversi, distribuiti in colonne sfaccettate, tagliati con macchine a controllo numerico; montati con una soluzione a parete ventilata: ogni pezzo è customizzato anche sugli staffaggi di sicurezza, in modo che la lastra risulti appesa alla struttura in acciaio. Per ottimizzare il senso di continuità monolitica alla facciata, tutte le fughe e le giunture tra le pietre sono state sigillate con appositi mastici e siliconi, in tinta pietra.

Gli interni sono stati razionalizzati in funzione del ciclo produttivo: i locali che necessitano di aeroilluminazione (appassimento, vinificazione, imbottigliamento, laboratorio, confezionamento, vendita) sono posti verso la facciata; completamente ipogei sono invece i luoghi destinati all’affinamento del vino. Anche per gli ambienti interni sono stati scelti materiali naturali per una migliore qualità dell’aria e per ricreare un’esperienza di benessere perché pensati come luogo di visita e scoperta in cui accogliere eventi e ospiti.

La parte più affascinante della tenuta è la barricaia, un’ampia stanza sotterranea dominata da due file di botti barrique, ordinate e ritmiche, che guidano lo sguardo verso il fondo della stanza, dove è installata una lampada-scultura custom Luna Piena prodotta da Catellani & Smith, con diametro di 240 cm e rivestita in foglia color oro (foto esterni Jürgen Eheim, interni Nava Rapacchietta).

 

→ ARCHIVIO REAL ESTATE
 
Gli articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.

 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicità

Informazioni su DP

http://www.danilopremoli.tk/
Questa voce è stata pubblicata in N.B., Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...