Riqualificazione e riconversione di un palazzo degli anni Sessanta

“Le scelte progettuali dell’edificio convertito a uffici con spazi commerciali al piano terra in via Ceresio 7/9 a Milano sono state determinate dalla volontà di realizzare un intervento contemporaneo negli usi, nelle funzioni e nelle distribuzioni interne, ma con un chiaro riferimento evocativo di una edilizia industriale ormai superata ma ancora molto presente in questa parte della città, caratterizzata dalla presenza di spazi manifatturieri del secolo scorso: si tratta di un vecchio palazzo di A2A degli anni Sessanta, con grandi finestrature che si ripetono con semplicità espressiva, per portare massima luce all’interno” precisa Paolo Asti, founder Asti Architetti, che ha firmato il progetto per il committente Kryalos SGR.


I prospetti originari sono stati sostituiti da facciate a tutt’altezza, mentre gli spazi interni sono stati ridistribuiti per creare ambienti di lavoro open space. Asti Architetti hanno scelto di avere due fronti ciechi, nelle due facciate laterali, privilegiando invece i fronti a est e a ovest non solo per motivi di irraggiamento, ma anche perché uno è prospiciente la piazza (dove affaccia anche il nuovo Museo del Design dell’ADI), e l’altro sull’area Paolo Sarpi.

La nuova facciata, con uno schema reticolare composto da elementi metallici, articola il fronte sulla piazza in una griglia ordinata e omogenea. Gli elementi orizzontali sono delineati e riconoscibili; la struttura portante in carpenteria metallica dell’edificio esistente viene mantenuta. Il sistema di serramenti si attesta all’interno della griglia garantendo così un gioco volumetrico che grazie a questa alternanza tra pieni e vuoti rompe il rigido schema del precedente progetto che era impostato invece su fasce orizzontali di colori differenti.

L’edificio si apre verso lo spazio aperto pubblico della piazza con un elemento porticato a doppia altezza. Questo elemento architettonico privato lasciato a uso pubblico dialoga con la piazza, ospita gli accessi principali dell’edificio e svolge il ruolo di ripartizione del fronte permettendo la lettura del basamento, che si stacca anche cromaticamente con un forte colore grafite, in netto contrasto con il suo spiccato superiore di colore invece più tenue.

Il progetto ha sfruttato completamente le previsioni normative in materia di bonus energetico e ha ottenuto la certificazione Leed Gold: una parte del materiale delle carpenterie metalliche è riciclato; è prevista la raccolta delle acque piovane che viene messa in ricircolo; c’è un parcheggio per le biciclette e uno spogliatoio con docce per i ciclisti (foto Stefano Gusmeroli).

 

→ #Speciale REAL ESTATE
 
Gli ultimi articoli pubblicati sul sito RE² (Requadro), testata indipendente di riferimento del mondo immobiliare nella rubrica ARCHITETTURA curata da OFFICE OBSERVER | Danilo Premoli

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

SEGUI IL BLOG VIA EMAIL: per restare aggiornati sui settori ufficio e contract è possibile ricevere gratuitamente in anteprima nella propria casella di posta le notizie pubblicate sul blog: basta compilare con il proprio indirizzo email il form a questo link.


 [ TAG: progettazione ]

 [ ultimi articoli pubblicati ]

Pubblicità

Informazioni su DP

http://www.danilopremoli.tk/
Questa voce è stata pubblicata in N.B., Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...