Guest Blogger: Sergio Mori

[testo di Sergio Mori]

Dalla matita al pc e dal pc alla matita

Oggi il luogo di lavoro è sempre più un “non luogo”. Può esserlo l’ufficio come il tavolo di un bar in compagnia di un caffè o addirittura un momento, ad esempio quello trascorso in metropolitana durante lo spostamento da un appuntamento all’altro. La relazione intima si consuma quindi più con gli oggetti che con i luoghi. Da un lato l’oggetto tecnologico (il cellulare, il pc, il tablet) dall’altro quello emozionale estetico e funzionale (l’abito indossato, l’accessorio).

ripensare l’oggetto
per rievocare gesti e tempi
del passato, intimi, personali

Da qui la mia riflessione di ripensare e riposizionare l’oggetto “matita”, che in una contemporaneità sempre più impersonale ci permetta di rievocare gesti e tempi del passato, nostalgici, intimi e personali. Un oggetto ovviamente dove le funzioni vengano ripensate e adattate a nuove esigenze, l’estetica sia evocativa e simbolica, ma al tempo stesso inedita e la scelta del materiale diventi veicolo tattile dell’essenza di chi lo usa.

Parte di questi contenuti si sono tradotti in una mia collezione disegnata per Napkin di “oggetti che scrivono”. Si tratta di “grafo incisori” composti da uno stelo in alluminio o legno e da un puntale in Ethergraf, esclusiva lega di metalli protetta. La punta viene forgiata da un gruppo di artigiani orafi e viene assemblata allo stelo solo in un secondo momento, rendendo così ogni pezzo unico. Contrariamente a tutti gli altri strumenti per disegno o scrittura, il segno lasciato avviene per una forma di ossidazione, dovuta al contatto tra la punta in Ethergraf e la carta. A differenza dei convenzionali strumenti di scrittura conosciuti, la traccia è molto particolare perché assomiglia ad una matita ma non si cancella come una penna. Questo la rende unica al mondo.
[luglio 2015]


Sergio_MoriSergio Mori
Dopo aver frequentato l’Istituto Europeo di Design a Milano, nel 1998 vince il 18 Compasso d’Oro sezione giovani. Nel 2005 si aggiudica l’International Award Grandesign con il progetto Light di Bonomi e nel 2012 viene nominato per l’Intenational Grandesign Etico, che vince nel 2014 con il progetto e-bike Little Italy. Ha collaborato con studi di architettura e diverse aziende, tra le quali: Flaminia, Alma Design, Napkin, Geelli, Zanini Italia Design, Foppapedretti. Attualmente insegna Interior Design all’Accademia di Belle Arti Laba a Brescia e Industrial Design all’Istituto Europeo di Design a Milano. Disegna e coordina l’immagine per numerose aziende.


 Office Observer Guest Blogger 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

[ industrial design ]

Informazioni su DP

http://dpremoli.appspot.com/
Questa voce è stata pubblicata in Guest Blogger, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...