SaloneUfficio 2015: le aspettative #02

[Le aspettative #02: gli interventi di King & Miranda e Marco Piva]

Presentato da Michele De Lucchi (in questo video) e Marco Predari, presidente Assufficio (a questo link), il SaloneUfficio 2015, a Fieramilano Rho dal 14 al 19 aprile, ha per titolo “Workplace 3.0” e riunirà in un unico spazio le diverse componenti dell’ambiente ufficio.

Quali sono le aspettative di progettisti e addetti ai lavori? In questa seconda puntata Office Observer lo ha chiesto a King & Miranda e Marco Piva.

King&MirandaPerry King & Santiago Miranda, King & Miranda Design
Se i mobili venissero assegnati gratis, come gli avvocati d’ufficio per i processi, sarebbe una bella cosa.

 
Marco_PivaMarco Piva, Studio Marco Piva
Onestamente, non vorrei trovare un “Salone Ufficio”. Ritengo che non abbia più senso, oggi, immaginare dei luoghi con una funzione specifica e statica, legati a una condizione spaziale e temporale. Oggi i luoghi del lavoro devono essere flessibili, dinamici, fruibili in più modi e in tempi diversi. Oggi si lavora da casa, in ufficio, incontrando gente, a pranzo, a cena, in gruppo o da soli, ecc. Per certi versi, le possibilità offerte dalla moderna tecnologia hanno portato ad un’assenza di regole per quanto riguarda gli spazi dell’ufficio, e la mia aspettativa in tal senso è di trovare spazi nei quali stare bene, dove la tecnologia è di servizio e non per forza prevaricante, dove poter incontrare persone e offrir loro un servizio.
Quindi il concetto di ufficio inteso nella sua visione classica non lo ritengo più idoneo, la mia aspettativa per il Salone è vedere degli spazi che mi invoglino a vivere, lavorare e relazionarmi in luoghi e tempi diversi. Spazi dinamici, flessibili, che diano la sensazione di far star bene le persone.
Invece di Salone Ufficio vorrei trovare un’altra terminologia, il business oggi è in macchina, al ristorante, in una stanza o all’aperto: sono cambiati modi, luoghi e spazi dell’ufficio contemporaneo. Perché non chiamarlo “Salone del Lavoro”?
Ad esempio, quest anno siamo stati contattati dall’azienda Nayada per partecipare al progetto “12 architects create furrniture”, il cui obiettivo è la creazione di un laboratorio di ricerca di nuove forme e soluzioni per sviluppare concept moderni per l’ufficio. Il nostro progetto è, allo stesso tempo, classico, contemporaneo e tecnologico. In seguito alla riunione tenutasi a Mosca lo scorso maggio con il presidente Dimitry Nayada Cherepkov, ho iniziato a lavorare sul suo punto di vista di uffici direzionali, studiando la migliore soluzione. Abbiamo lavorato selezionando materiali che appartengono alla visione classica dell’ufficio, come metalli e legno, ma usandoli diversamente, sfruttando al massimo le loro potenzialità tecnologiche. Per quanto riguarda le forme, stiamo lavorando sia per singoli elementi che in moduli, per garantire al cliente finale la massima possibilità di personalizzazione. Inoltre, dentro gli arredi sono inseriti controlli che appartengono al mondo dell’automazione domestica. Perché gli spazi degli uffici stanno cambiando, da semplici luoghi anonimi di lavoro in luoghi dove, anche e soprattutto, poter “vivere” e “scegliere”.

 #Speciale Office Observer SaloneUfficio 2015: le aspettative 

Confronta con
 #Speciale Office Observer SaloneUfficio 2013: le aspettative 

This opera is licensed under a Creative Commons Attribution – NonCommercial – NoDerivs 3.0 Unported License

Informazioni su DP

http://dpremoli.appspot.com/
Questa voce è stata pubblicata in Guest Blogger, N.B., Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...