Torna il sole sul Mipim

[dal nostro inviato speciale Jacopo della Fontana – D2U Design to Users]

Mipim_2014Dopo qualche anno di pioggia e di declino ecco consacrata una nuova edizione di Mipim col sorriso e i calici in mano. Grazie al tempo ultra-primaverile e soprattutto alla dispensa di ottimismo gettata dagli operatori internazionali, anche la truppa italiana si è riconsolidata e ha calcato numerosa la Croisette (settimo posto tra i 20.000 partecipanti). Ogni anno è interessante vedere i presidi delle migliori posizioni, gli spostamenti di piazzamento e le partecipazioni delle diverse aree geografiche degli espositori nei vari padiglioni: restituisce il potere contrattuale e di capacità di investimento delle forze in campo. Prima apparizione per Tokio (nella foto).

Londra, la Francia e la Germania conservano saldamente le posizioni di testa, seguite dagli Emirati, mentre l’Est Europa di influenza russa, finito l’exploit Sochi-related ha perso un po’ di smalto e si è travasata in quantità dai piani alti verso il “basement”, la parte più densa e meno appealing del Palais. Qui ha trovato posto per la prima volta anche un piccolo stand di Arexpo che ha ospitato, in italiano per italiani, la presentazione del masterplan post Expo, con la collaborazione di Assoimmobiliare e Uli. Stessa presentazione anticipata di qualche ora nei due convegni “italici”, tenuti purtroppo sempre solo in italiano quindi per pubblico solo italiano, la mattina del giovedì sotto la regia di Chiomenti, Idea Fimit e Quotidiano Immobiliare. Nel primo in particolare, moderato da Evelina Marchesini, si sono succeduti sul palco tra gli altri Piero Fassino come rappresentante Anci, sempre molto lucido e applaudito nel delineare la necessità di snellire le procedure e rendere attrattiva l’offerta delle città, il vicesindaco di Milano Ada Lucia De Cesaris alle prese con la difficile mediazione politica per poter far emergere l’attrattività del post Expo e aprire a nuove proposte di residenzialità per la città, Aldo Mazzocco che col suo ottimismo realista ha richiamato la comunità immobiliare a reagire prontamente alle prime ri-chiamate dal mondo finanziario specie d’oltreoceano, mentre Vincenzo Fortunato ha cercato di far capire la ragione del nuovo super Fondo di Fondi statale Invimit che si dedicherà inizialmente all’edilizia scolastica e sociale.

Invest in Tuscany e Piemonte Agency hanno ben promosso con gli stand e i dibattiti il loro territorio. Tra le società private italiane spiccavano le presenze di Idea Fimit, Prelios e Generali, dove si è a lungo annuito sul girotondo ai vertici con l’arrivo di Christian Delaire (ex Axa e Aew) come Ceo al posto di Giancarlo Scotti, dato in approdo in Prelios nel team di Massimo Caputi, e il passaggio di Giovanni Paviera alla guida di Fintecna Immobiliare. Molto animata anche la banchina con le barche di Dla e di Tetris sempre in festa e il girovagare della pattuglia di architetti e PM, tra i quali sono stati avvistati D2U, Pcmr, L22, Fgs, Arcadis, Mcm, Bear, oltre all’ex assessore milanese Boeri con presenza limitata al pranzo dell’Italian RE.

Jacopo della Fontana – D2U Design to Users

Informazioni su DP

http://dpremoli.appspot.com/
Questa voce è stata pubblicata in N.B., Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...